Skip to content
 

Quinta Domenica di Pasqua 24 Aprile 2016

In questa settimana siamo invitati

a riflettere sulla FEDE

nella RISURREZIONE di GESU’

PRIMA LETTURA: Dagli Atti degli Apostoli: At 14, 21 - 27
  • Paolo terminato il suo primo viaggio missionario, sta per rientrare ad Antiochia, nella comunità da cui era partito per annunciare il vangelo ai pagani. Egli si preoccupa innanzitutto di rendere salde contro le persecuzioni le giovani comunità che ha fondato e di dare loro degli “anziani” che ne assicurino l’unità e la fedeltà al vangelo. Contrariamente alle comunità giudaiche, ripiegate su se stesse in attesa del gran giorno della ricomposizione dell’unità, le comunità cristiane sono essenzialmente aperte: vivono in relazione costante con l’apostolo, che le mette reciprocamente in contatto fra loro.
SPUNTI PER LA RIFLESSIONE PERSONALE:
  • Come cristiano cerco di aiutare altri cristiani, soprattutto quelli più in difficoltà a vivere bene la loro fede?
  • Quale è il mio impegno per l’annuncio del vangelo?
  SECONDA LETTURA: Dal libro dell’Apocalisse di S. Giovanni Apostolo: Ap 21, 1-5a
  • Un volto, solo quando è trasfigurato dalla gioia rivela la sua vera bellezza. L’apocalisse ci rivela un’umanità trasfigurata, nel giorno delle sue nozze definitive col creatore. Quel giorno l’amore, finalmente palese e condiviso, cancellerà ogni ruga e ogni amarezza dal volto dell’uomo. Il mondo risplenderà della giovinezza stessa di Dio, di una freschezza che non appassirà. La terra e il mare che scompaiono, ricordano l’Egitto e il mar Rosso che lasciano il posto alla terra promessa. Dio sarà ormai sempre “con noi”; e l’uomo, da sempre enigma a se stesso, si riconoscerà finalmente nella luce di Dio.
SPUNTI PER LA RIFLESSIONE PERSONALE:
  • Mi accorgo di essere trasfigurato giorno per giorno dalla grazia di Dio? Oppure non mi lascio plasmare da lui?
  • Sono convinto che Dio rende davvero “nuova” cioè entusiasmante la mia vita?
    VANGELO: Dal Vangelo secondo Giovanni: Gv 13, 31-33a. 34-35
  • Gesù è glorificato e partecipa alla vita del Padre. Dio non vive più soltanto nella sua sfera celeste: d’ora in poi vive anche nel cuore dell’uomo. Per un ebreo essere glorificato, significa dare valore alla propria esistenza, rivelare le proprie reali capacità. Il prezzo dell’esistenza, ciò per cui vale la pena di essere vissuta, è amore che Gesù ha manifestato per gli uomini, e l’amore che noi manifestiamo gli uni per gli altri.
Cristo ci ha dunque dato un nuovo comandamento, nel senso che ha detto di amarci l’un l’altro, cosí come egli ci ha amati. E’ questo amore che ci rinnova, affinché diveniamo uomini nuovi, eredi del Nuovo Testamento, cantori di un nuovo cantico. Questo amore, fratelli, ha rinnovato anche i giusti dei tempi antichi, i patriarchi e i profeti, come piú tardi ha rinnovato i beati apostoli. Esso ora rinnova tutte le genti, e, di tutto il genere umano che è diffuso ovunque sulla terra, fa, riunendolo, un sol popolo nuovo, il corpo della nuova sposa del Figlio unigenito di Dio, della quale il Cantico dei Cantici dice: "Chi è colei che si alza splendente di candore?" (Ct 8,5, secondo i LXX). Essa è splendente di candore perché è rinnovata: da che cosa, se non dal nuovo comandamento? Ecco perché i suoi membri sono solleciti l’uno per l’altro e se uno soffre, soffrono con lui tutti; se uno è glorificato, gioiscono con lui tutti gli altri (cf. 1Cor 12,25-26). Essi ascoltano e praticano quanto dice il Signore: «Vi do un nuovo comandamento, che vi amiate gli uni gli altri», ma non come si amano quelli che cercano la corruzione, né come si amano gli uomini in quanto hanno la stessa natura umana, ma come si amano coloro che sono dèi e figli dell`Altissimo, e che mirano a divenire fratelli dell`unico Figlio suo, che si amano a vicenda dell`amore del quale egli li ha amati, che li porterà a giungere a quella meta dove egli sazierà tutti i loro desideri, nell’abbondanza di tutte le delizie (cf. Sal 102,5). Allora, ogni desiderio sarà soddisfatto, quando Dio sarà tutto in tutti (cf. 1Cor 15,28). Una tale meta non conoscerà fine. Nessuno muore là dove nessuno può giungere se prima non è morto per questo mondo, e non della comune morte nella quale il corpo è abbandonato dall’anima, ma della morte degli eletti. Quella morte che, mentre ancora siamo in questa carne mortale, eleva il cuore in alto nei cieli. E` di questa morte che l’Apostolo dice: "Perché voi siete morti e la vostra vita è nascosta con Cristo in Dio" (Col 3,3). Forse per la stessa ragione sta scritto: "L’amore è forte come la morte" (Ct 8,6). E’ grazie a questo amore che, pur restando ancora prigionieri di questo corpo corruttibile, noi moriamo per questo mondo, e la nostra vita si nasconde con Cristo in Dio; o, meglio, questo stesso amore è la nostra morte per il mondo, ed è vita con Dio. Se infatti parliamo di morte quando l`anima esce dal corpo, perché non dobbiamo parlare di morte quando il nostro amore esce da questo mondo? L`amore è quindi davvero forte come la morte. Che cosa è piú forte di questo amore che vince il mondo? Ma non crediate, fratelli, che il Signore dicendo: «Vi do un nuovo comandamento, che vi amiate gli uni gli altri», abbia dimenticato quell`altro comandamento che ci è stato dato, che amiamo il Signore Dio nostro con tutto il cuore, con tutta l`anima e con tutto il nostro spirito. Può sembrare che egli lo abbia dimenticato, in quanto dice soltanto: «che vi amiate gli uni gli altri», come se il primo comandamento non avesse rapporti con quello che ordina di amare "il prossimo tuo come te stesso" (Mt 12,37-40). A "questi due comandamenti" - disse il Signore, come narra Matteo - "si riduce tutta la legge e i profeti (ibid.)". Ma per chi bene li intende, ciascuno dei due comandamenti si ritrova nell`altro. Infatti, chi ama Dio non può disprezzare Dio stesso quando egli ordina di amare il prossimo; e colui che ama il prossimo di un amore spirituale, chi ama in lui se non Dio? Questo è quell`amore liberato da ogni affetto terreno, che il Signore caratterizza aggiungendo le parole: «come io ho amato voi». Che cosa, se non Dio, il Signore amò in noi? Non perché già lo possedessimo, ma perché lo potessimo possedere; per condurci, come poco prima ho detto, là dove Dio sarà tutto in tutti. E` in questo senso che, giustamente, si dice che il medico ama i suoi malati: e cosa ama in essi, se non quella salute che desidera ripristinare, e non certo la malattia che si sforza di scacciare? Amiamoci dunque l`un l`altro, e, per quanto possiamo, a vicenda aiutiamoci a possedere Dio nei nostri cuori. Questo amore ci dona colui che ci dice: «Come io vi ho amati, anche voi amatevi gli uni gli altri» (Gv 13,34). Egli ci ha amati per renderci capaci di amarci a vicenda; questo ci ha concesso amandoci, che ci stringiamo con mutuo amore e, uniti quali membra da un sí dolce vincolo, siamo il corpo di un tanto augusto capo. "In questo appunto tutti riconosceranno che voi siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri" (Gv 13,35). E` come se avesse detto: Coloro che non sono miei discepoli, hanno in comune con voi altri doni, oltre la natura umana, la vita, i sensi, la ragione e tutti quei beni che sono propri anche degli animali; essi hanno anche il dono della conoscenza delle lingue, il potere di dare i sacramenti, quello di fare profezie; il dono della scienza o quello della fede, la capacità di distribuire ai poveri tutti i loro beni, e quella di sacrificare il loro corpo nelle fiamme. Ma se essi non hanno la carità, sono soltanto dei cembali squillanti: non sono niente, e tutti questi doni a loro niente giovano (cf..1Cor 13,1-3). Non è dunque in queste grazie, sia pure eccellenti, e che possono esser date anche a chi non è mio discepolo, ma è «in questo che tutti riconosceranno che voi siete miei discepoli, se avrete amore gli uni per gli altri». SPUNTI PER LA RIFLESSIONE PERSONALE:
  • Cerco di dare valore alle mie capacità mettendole al servizio degli altri?
  • Come vivo l’amore verso il prossimo (in famiglia, a lavoro, con gli amici, in parrocchia)? Sono convinto che esso sia segno forte di testimonianza cristiana?