Skip to content

Il progetto

IL PROGETTO GIOVANILE PARROCCHIALE 

 

LINEE GUIDA DEL NOSTRO PROGETTO: 

Per descrivere lo spirito che anima il progetto giovanile della parrocchia di S. Melania facciamo nostre le parole del Papa Giovanni Paolo II nella sua lettera ai giovani per la VII Giornata Mondiale della Gioventù (1991) dal momento che la loro attualità è ancora oggi viva:

“la Messe è abbondante! Eppure, mentre sono tanti i giovani che cercano Cristo, sono ancora pochi gli apostoli in grado di annunciarlo in modo credibile. C’è bisogno di tanti sacerdoti, di maestri, di educatori della fede, ma c’è anche bisogno di giovani animati dallo spirito missionario, poiché sono i giovani che  <<devono diventare primi e immediati apostoli dei giovani, esercitando da loro stessi l’apostolato fra di loro>> (Apostolicam actuositatem, n. 12). Questa è una basilare pedagogia della fede. Ecco dunque il vostro grande compito.”

Per fare una pastorale giovanile efficace, oggi, occorre promuovere un’azione ecclesiale in cui i giovani:

–      Siano considerati protagonisti e destinatari dell’annuncio del Vangelo di Gesù, redentore dell’uomo e unica risposta ai loro desideri più profondi. 

–      Siano avvolti da un affetto profondo da parte di tutta la comunità in modo da sentirsi responsabili e attivi nella vita della parrocchia. 

–      Assumano piena consapevolezza di appartenere alla Chiesa, corpo mistico di Cristo

–      Si formino profondamente a quei valori umani e cristiani che li rendano protagonisti nella società e nella Chiesa.

–      Vivano il mandato missionario che li spinge a camminare nella storia vivendo da figli di Dio e coinvolgendo nel loro cammino di fede e di formazione i loro coetanei.

–      Coltivino uno spirito di servizio gratuito e generoso

Questo vuole essere anche l’obiettivo della nostra Pastorale Giovanile Parrocchiale

 

PROGETTO FORMATIVO PER GLI ADOLESCENTI:

I cammini di formazione dei gruppi giovanili dopo la cresima, tenendo conto anche delle indicazioni dell’Ufficio diocesano di Pastorale Giovanile, si sviluppano attraverso queste tematiche: 

Primo anno:       “IL SENSO DELLA VITA”

Questo cammino ha lo scopo di aiutare gli adolescenti a comprendere il valore della vita a prescindere dalla condizione fisica di ciascuno, dal carattere, dalle attitudini di ognuno e aiutandoli a maturare la consapevolezza che per Dio ogni uomo e “unico”, “importante”.

Il primo anno inizia una riflessione, che si svilupperà anche negli anni successivi, che ha lo scopo di approfondire  il compito che ciascuno ha in mezzo agli altri.

Secondo Anno:         “IL DONO DELLA LIBERTA’”

Questo cammino ha lo scopo di aiutare gli adolescenti a comprendere il grande valore della libertà attraverso una serie di incontri di formazione umana e religiosa e attraverso varie attività che interessano il campo del comportamento e della relazione con Dio e con gli altri: educatori (genitori, insegnanti, animatori, ecc.), e amici

Terzo Anno:             “L’AFFETTIVITA’”

Questo cammino ha lo scopo di aiutare gli adolescenti ad entrare, in modo equilibrato e sano, nel mondo dei sentimenti, dell’affettività e della sessualità. Gli incontri e le attività proposte potranno essere utili a conoscere tutti i valori che il Vangelo e Chiesa suggeriscono per vivere serenamente questo aspetto fondamentale dell’esperienza umana.

Quarto Anno:           “il servizio” 

Questo cammino ha lo scopo di sensibilizzare gli adolescenti  al dono del tempo agli altri, soprattutto ai più deboli. Già Essi svolgono qualche servizio saltuario di animazione verso i bambini in oratorio, soprattutto al Grest, e nelle giornate di raccolta alimentare, questo deve diventare un anno di riflessione più profonda sul tempo donato agli altri.

Oltre agli incontri di formazione i giovani vengono invitati a fare un’esperienza di servizio possibilmente una volta al mese presso enti caritativi.

Quinto Anno:            “il progetto di vita”

Questo cammino è attuato nell’anno della maturità e la riflessione che viene proposta ai giovani è vocazionale nel senso ampio del termine e vuole rispondere alla domanda di fondo: “Cosa vuoi, Signore, che io faccia”? Come i giovani si aprono alla vita attraverso una scelta universitaria o lavorativa, così anche l’aspetto spirituale e religioso del progetto di vita viene approfondito. Gli incontri saranno incentrati sull’approfondimento delle scelte di vita.

 

PROGETTO FORMATIVO PER I GIOVANI:

Il progetto è in fase di attuazione: il cammino proposto annualmente segue in genere le indicazioni della diocesi e della parrocchia adattate al linguaggio e alla metodologia giovanile. 

Al momento i cammini di formazione del quarto e quinto anno sono in via di sviluppo e man mano che si formeranno i gruppi saranno competati.

I mezzi utilizzati per portare avanti i cammini di formazione giovanile sono vari e cercano di rendere affascinanti tutti gli incontri:

1)    Incontri settimanali di formazione

2)   Uscite di uno o più giorni durante l’anno

3)   Campi estivi

4)   Incontri di preghiera parrocchiali e interparrocchiali

5)   Incontri culturali

6)   Attività sportive e ricreative parrocchiali e interparrocchiali

7)   Attività di teatro

8)   Attività di servizio

9)   Attività e corsi di formazione specifici diocesani

 

GLI ANIMATORI:

Gli animatori dei gruppi giovanili svolgono un servizio fondamentale come guide e segno di testimonianza per i giovani. Sono scelti dai sacerdoti in base alle esigenze parrocchiali e alle attitudini degli stessi.

Essi si incontrano periodicamente per analizzare  e discutere l’andamento del gruppo programmare in forma immediata le riunioni di gruppo, continuare la propria formazione sia all’interno dei loro gruppi di cammino, sia attraverso incontri a carattere diocesano o interparrocchiale.

Pagine correlate